mercoledì 15 giugno 2016

Bulgaria: l'uomo con l'ascia di pietra

Il corpo appena scoperto nella necropoli di Kamenovo
(Foto: Archaeologist Dilen Dilov)
La sepoltura di un uomo di 6500 anni fa, con in mano uno scettro a forma di ascia in pietra, è stata scoperta dagli archeologi nel recente scavo della necropoli di Kamenovo, nel nordest della Bulgaria, risalente al Calcolitico.
Nella necropoli di Kamenovo sono state trovate, in totale sette sepolture tutte di donne e bambini. Quella ritrovata attualmente è la prima sepoltura di un maschio adulto. Poco prima di scoprire questa sepoltura, nella primavera del 2015, gli archeologi hanno scoperto un laboratorio di 6500 anni fa, dove venivano lavorati strumenti in selce. Il laboratorio conteneva anche un gran numero di strumenti in selce non ancora terminati.
Gli archeologi, guidati dal Professor Yavor Boyadzhiev, dell'Istituto e Museo Nazionale di Archeologia di Sofia e Dimitar Chernakov, del Museo Regionale di Storia di Ruse, hanno continuato i loro scavi nella necropoli di Kamenovo. Gli scavi attuali devono essere completati entro il 25 giugno e sono finanziati dal Museo Regionale di Storia di Razgrad.
L'ascia in pietra tra le mani dell'uomo di Kamenovo
(Foto: Archaeologist Dilen Dilov)
La sepoltura appena trovata è quella di un uomo sepolto con un'ascia in pietra risalente al 4500-4300 a.C.. All'interno della tomba gli archeologi hanno trovato il guscio di un'ostrica da perla, proveniente dal Mediterraneo. Probabilmente questo guscio era indossato a mò di collana dall'uomo. Perle dello stesso mollusco (lo Spondylus) sono state trovate anche in altre tombe della zona scoperte nel 2015. I ricercatori hanno interpretato la loro presenza come una testimonianza dei legami commerciali tra la regione del nordest dell'attuale Bulgaria con la costa mediterranea durante l'Età del Rame.
La sepoltura era situata in uno strato superficiale del terreno, sotto l'asfalto di un cortile moderno nella ex scuola elementare di Kamenovo. L'uomo era stato sepolto in posizione fetale, sdraiato sul fianco sinistro, con l'ascia tra le mani ed il corpo orientato in direzione est-ovest. Anche se gli esami antropologici devono confermare il sesso del defunto, gli archeologi sono convinti che si tratti di un maschio proprio per la presenza dell'ascia litica. Tutte le asce in pietra - in totale 15 - trovate in Bulgaria erano state deposte in sepolture maschili. L'ascia non è mai stata utilizzata come strumento di lavoro o arma in battaglia, probabilmente era solo un simbolo di potere.

Fonte:
archaeologyinbulgaria.com
Posta un commento

In mostra le lamine d'oro di Tutankhamon

Una delle lamine d'oro di Tutankhamon (Foto: english.ahram.org.eg) Il Ministro Egiziano delle Antichità , Khaled el-Enany , ha inau...