mercoledì 6 luglio 2016

Israele, la sepoltura della sciamana

Le ossa della donna misteriosa sepolta in una grotta in Israele
(Foto: Naftali Hilger)
Una donna minuta, sepolta in una grotta israeliana 12000 anni fa era, con tutta probabilità, una persona di un certo rango sociale. Venne sepolta, infatti, con una cerimonia fastosa e con 86 tartarughe. Dopo anni di analisi, gli esperti hanno ricostruito le varie tappe del rituale funebre, svoltosi in sei fasi, che era una celebrazione alla posizione sociale che la donna aveva ricoperta in vita.
Leore Grosman, professore presso l'Istituto di Archeologia dell'Università Ebraica di Gerusalemme, ha scoperto la sepoltura nel 2005, in una grotta chiamata Hilazon Tachtit, situata nella Galilea occidentale, nel nord di Israele. La grotta era servita da luogo di sepoltura per almeno 28 persone vissute nel periodo natufiano (15000-11500 a.C.). La tomba della donna si distingueva dalle altre, dalle quali era separata da un divisorio di pietra. Il corpo della defunta era circondato da oggetti disposti con cura particolare.
Lo scheletro della donna è alto circa 1,50 metri. La donna è probabilmente morta a 45 anni di età ed è stata deposta con cura estrema su strati di sedimenti, conchiglie, gusci di tartaruga, gesso e corna di gazzelle. Attorno al corpo sono stati trovati teschi di martora, una coda di vacca, il bacino di un leopardo, l'ala di un'aquila ed un piede umano. Grosman pensa che l'occupante della sepoltura era, probabilmente, una donna sciamano. Quest'ultima venne sepolta in sei fasi. La prima era costituita dal tracciare la forma ovale della sepoltura nel pavimento della grotta. Successivamente il fondo della tomba venne riempito di fango, strati di calcare e altri sedimenti. La seconda e terza fase interessò il rivestimento della sepoltura a pozzo con blocchi di calcare, conchiglie, corna di gazzella e carapaci di tartaruga. I manufatti furono, quindi, coperti da uno strato di cenere e detriti e da strumenti in pietra scheggiati. Nella quarta fase il cadavere della donna venne deposto nella buca in posizione accovacciata, con gusci di tartaruga inseriti sotto la testa e il bacino. Altri gusci ed ossa di animali vennero posizionati in cima e intorno al corpo.
Molti dei gusci di tartaruga appartengono ad animali di cui i presenti al funerale si sono cibati durante il pasto rituale. Nella quinta fase di sepoltura, la tomba venne riempita con i resti del banchetto funebre. L'ultima fase ha contemplato la posizione di un blocco triangolare di calcare nella parte superiore della tomba.

Fonte:
Live Science
Posta un commento

Torna alla luce un antico insediamento messapico

Gli scavi nel nuovo insediamento messapico di Nardò (Foto: quotidianodipuglia.it) Un insediamento fortificato di età messapica : è l...