mercoledì 10 agosto 2016

Persepoli sta scomparendo

Persepoli, l'Apadana (Foto: Il Messaggero)
Non solo la Grande Muraglia che sta letteralmente cadendo a pezzi. Ora arriva dall'Iran l'ennesimo allarme per un glorioso passato che rischia di sprofondare davanti ai nostri occhi. L'emergenza in questo caso riguarda Persepoli, l'area archeologica a 50 chilometri a nord di Shiraz. Qui si trovano i resti dell'antica capitale persiana che sembrano uscire come Babilonia da una fiaba da Mille e una notte fra la residenza reale degli Achemenidi, il sontuoso Palazzo di Dario il Grande e le tombe monumentali dei re di Naqsh-e Rostam.
Sulle pagine del quotidiano locale Etemaad e alla Tv iraniana Irinn stanno rimbalzando le notizie preoccupanti dell'acutizzarsi di una delle grosse fratture già presenti nel terreno: un taglio profondo un metro e lungo circa 300 causato, secondo gli esperti, sia dalla natura che dall'intervento scellerato e sempre più massiccio dell'uomo.
Se da un lato, infatti, il danno può essere attribuibile ai fenomeni climatici, la siccità in primis, dall'altro a mettere a rischio questo meraviglioso patrimonio dell'umanità sarebbe la presenza incontrollata delle falde acquifere, di quei pozzi - ben 16.000 - scavati nella piana di Marvdasht. Oltre metà risulterebbe illegale. "Quando gli esperti dell'Institute for East Studies di Chicago fecero rinascere una parte della storia dei questo Paese - sostengono i media - probabilmente non pensavano che un giorno la siccità e la cattiva gestione avrebbero danneggiato gli esiti dei loro sforzi e ne avrebbero scosso i pilastri".
Principali imputati sono i pozzi scavati illegalmente nella zona, nonostante l'Organizzazione iraniana per i Beni culturali abbia cercato di ostacolarli ancor prima che scattasse l'allarme rosso. Secondo altre fonti di stampa, sarebbero 16.000 quelli nella pianura, il 50% dei quali non autorizzati.
Ci sono altre fratture nella zona archeologica eppure non si ferma la costruzione di nuovi pozzi che arrivano non più a 50 ma anche a 200 metri all'interno della terra con il conseguente svuotamento delle falde e l'inevitabile sprofondamento dei tesori rimasti visibili, non si sa ancora per quanto. E tutto questo accade nonostante il Consiglio tecnico di Persepoli abbia vietato altri scavi che invece vengono autorizzati dall'Organizzazione regionale per l'acqua. Così gli antichi persiani stanno lì a guardare i loro discendenti, in attesa che trovino una soluzione per non far risucchiare millenni di storia dell'umanità.
 
 
Fonte:
IlMessaggero

Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...