domenica 16 ottobre 2016

Ancora in uso la Fontana di Filippo (Philippeios Krini)

La Fontana di Filippo (Foto: drt915.gr)
La fontana di Filippo (Philippeios Krini) è una fontana di 2300 anni fa, commissionata da Filippo II di Macedonia ed è un vero miracolo che sia sopravvissuta fino ai nostri giorni, diventando la più antica opera idraulica ancora in uso oggi nel mondo.
Nel 338 a.C. il re Filippo II di Macedonia stabilì un accampamento nei pressi di Nestani, per attaccare la città di Amfissa, posta sul golfo di Corinto. In questo momento storico il potere del re macedone era in forte calo, a causa anche degli infruttuosi assedi di Perinto (340 a.C.) e di Bisanzio (339 a.C.). Il re, a questo punto, non poteva permettere che i residenti di Amfissa continuassero a coltivare la pianura di Crisaian, terra appartenente all'Oracolo di Delfi.
I macedoni restarono accampati a Nestani per molte settimane. Per fornire alle sue truppe acqua sufficiente, Filippo II ordinò di costruire una fontana, la Philippeios Krini. Il re vinse, poi, quella conosciuta come la quarta Guerra Sacra, ed espulse dalla città di Amfissa i suoi abitanti. Filippo II, però, godette per poco della sua vittoria e del suo potere restaurato: fu assassinato due anni dopo dalla sua guardia del corpo.
Già nel 2000 a.C. i Minoici e poi i Micenei svilupparono incredibili ed avanzate tecniche per la fornitura e il trasporto dell'acqua, per il drenaggio e per le fognature, per la protezione dalle inondazioni e per le irrigazioni. In epoca ellenistica i Greci avevano inventato, poi, la ruota ad acqua e la pompa, uno strumento che consentiva di sollevare l'acqua fino ai piani alti delle case.
Il villaggio di Nestani contiene anche un'altra fonte, quella di Dolina, che si credeva essere il luogo di nascita di Poseidone, figlio di Crono e Rhea. Poseidone venne lasciato, subito dopo la nascita, in un gregge di agnelli vicino Dolina. Quando Crono venne a cercare il bambino, Rhea dichiarò di aver dato alla luce un puledro. In questo modo Poseidone riuscì a sopravvivere e, divenuto adulto, il cavallo divenne il suo animale preferito. I residenti di Nestani usavano sacrificare cavalli a Poseidone.

Fonti:
Angelakis, A.N. and Demetris Koutsoyiannis "Ancient Greece. Encyclopedia of Water Science" (2003)
Hondos. "Filippeios Krini"
Posta un commento

I misteri di Bryn Celli Ddu, Galles

Bryn Celli Ddu, la tomba neolitica sull'isola di Anglesey (Foto: Alamy Stock) Gli archeologi hanno scoperto, sull' isola di Ang...