venerdì 18 novembre 2016

Messico, una piramide nella piramide nella piramide...

La piramide a gradoni di Chichén Itza 
Una piramide all'interno di una piramide che si trova all'interno di un'altra piramide. Gli archeologi hanno trovato questo straordinario insieme nell'antico sito maya di Chichén Itza, nella penisola dello Yucatàn, nel sud del Messico.
Gli archeologi hanno trovato una sottostruttura, forse la più antica, sotto la piramide periferica di Chichén Itza El Castillo, un monumento che, secondo i ricercatori, è stato eretto per adorare Kukulkan o Quetzalcoatl, il serpente piumato il cui culto era diffuso nell'antico Messico e in tutta l'America centrale. I Maya costruirono le tre piramidi in fasi successive.
Questa struttura "a matrioska" era stata individuata già nel 1940, ma solo quest'anno i ricercatori, utilizzando un processo di tomografia di resistività elettrica tridimensionale (ERT-3D), hanno potuto individuare una piramide molto più piccola sotto le due piramidi già note. Anche se la piramide deve essere ancora scavata, si suppone che anch'essa possa avere un altare nella parte superiore.
La struttura visibile, conosciuta come El Castillo (il castello) ha i lati di 58-59 metri circa. La piramide intermedia, al di sotto di questa, ha lati di 32 metri per 20 metri di altezza. L'intera struttura è stata costruita sopra un fiume sotterraneo o un cenote. Tutto il complesso templare di El Castillo si trova, in maniera piuttosto precaria, sopra una sorta di depressione e gli esperti temono che possa collassare da un momento all'altro.
La piramide più piccola misura circa 10 metri di altezza e non è allineata con le due strutture superiori. I ricercatori ritengono che questa struttura possa essere molto importante per acquisire maggiori informazioni sugli abitanti del primo periodo di Chichén Itza. Gli archeologi ritengono che questa piramide possa risalire al 500-800 d.C. e sia stata costruita nel "puro stile Maya", non influenzato da altre culture e civiltà mesoamericane. La piramide più esterna venne, invece, costruita intorno al 900 d.C.
Kukulkan, il serpente piumato, era il dio del vento, del sole e il dio creatore degli uomini nel Messico e nell'America centrale. Egli si recò nel regno sotterrano di Mictlan, dove riportò indietro le ossa delle persone vissute nei mondi precedenti, spruzzò il suo sangue su di loro e li trasformò in esseri umani. Kukulkan portò il mais agli esseri umani, li istruì nell'arte della tessitura del cotone e nella lucidatura della giada.

Fonte:
ancient-origins.net
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...