giovedì 3 novembre 2016

"Ringiovanito" l'acquedotto romano di Segovia

L'acquedotto di Segovia, in Spagna (Foto: elpais.com)
Uno dei monumenti spagnoli più emblematici è l'acquedotto di Segovia. Gli archeologi ritengono che questa grandiosa costruzione sia più recente di quanto si sia creduto finora. La nuova datazione è stata fissata ad un periodo compreso tra il 112 e il 116 d.C., mentre prima era stata fissata al 98 d.C.
Lo studio si basa sull'analisi di materiali archeologici rimossi da uno scavo effettuato nel 1998 su tre pilastri della costruzione romana situati nella Plaza del Azoguejo, dove l'acquedotto misura solo 29 metri di altezza. Le basi di questi pilastri sono state riempite con materiali ceramici intorno al II secolo d.C. ed è stata anche recuperata un'antica moneta romana coniata tra il 112 e il 116 d.C.

Fonte:
elpais.com
Posta un commento

La tempesta Ophelia fa scoprire un antico scheletro

I resti scoperti su una spiaggia irlandese (Foto: Jim Campbell) Resti scheletrici che si ritiene risalgano all' Età del Ferro sono...