venerdì 6 gennaio 2017

Continuano gli scavi nella sacra agorà di Laodicea

Parte dell'antica agorà di Laodicea (Foto: DHA)
Continuano gli scavi archeologici nell'antica città di Laodicea, situata nella provincia occidentale turca di Denizli e sito inserito nel Patrimonio UNESCO dell'umanità nel 2013. Ad essere oggetto di attenzione da parte degli archeologi e dei restauratori è l'agorà, uno spazio che occupa 35.000 metri quadrati di estensione.
Celal Simsek, del Dipartimento di archeologia dell'Università di Pamukkale, responsabile degli scavi di Laodicea, ha affermato di voler riportare il livello a quello di duemila anni fa. Gli scavi ed i restauri interessano la città da ben 13 anni ed ora gli archeologi si stanno concentrando sull'opera di restauro dell'agorà sacra e del teatro occidentale.
L'agorà di Laodicea è la più grande dell'Anatolia e crollò a causa di un terremoto nel 494 d.C.. Venne, poi, scoperta a ben sette metri di profondità. L'agorà era circondata da una galleria colonnata, una sorta di portico, di 10,8 metri di lunghezza. Gli archeologi sono riusciti a recuperarne le enormi colonne e parte del portico, crollato anch'esso nel IV secolo d.C.
Nell'agorà di Laodicea sono state trovate teste di sculture, gioielli, pentole e contenitori in ceramica. Lo scorso anno sono state restaurate 34 colonne del portico meridionale e occidentale. Nel teatro ellenistico, come viene chiamato il teatro occidentale, sono stati avviati altri lavori per aprirlo all'utilizzo pubblico. Il primo piano della struttura è stato ripristinato, mentre sopravvive solo parte del piano superiore. Sono stati trovati, all'interno del teatro, frammenti delle sculture che ornavano il parco. Quando, nel V secolo, la città si ridusse di abitanti e di superficie, il teatro venne utilizzato come muro cittadino.
Durante il 2016 sono stati estratti ben 256 reperti, che sono stati consegnati al Museo locale, nei pressi del sito antico.

Fonte:
Hurriyet Daily News
Posta un commento

Torna alla luce un antico insediamento messapico

Gli scavi nel nuovo insediamento messapico di Nardò (Foto: quotidianodipuglia.it) Un insediamento fortificato di età messapica : è l...