sabato 11 marzo 2017

Giappone, rinvenuto un antico viale alberato

Il viale alberato scoperto presso le rovine della città giapponese di
Aoyayokogi (Foto: Tottori Prefectural Archaeological Center)
Gli archeologi hanno trovato, in Giappone, la prima prova di alberi che fiancheggiavano un'antica strada, a dimostrazione dell'ostentazione del potere statale. Nel 2015 sono state rinvenute ben 18 radici di salice risalenti al X secolo d.C. presso le rovine di Aoyayokogi. I salici erano posti ad una distanza, l'uno dall'altro, che andava da 0,5 a 2 metri lungo un tratto di 60 metri di viale.
Si pensa che il viale alberato faccia parte di Sanindo, una delle strade nazionali gestite dallo Stato, costruita tra il tardo periodo Asuka (592-710 d.C.) e il primo periodo Nara (710-784 d.C.). Si pensava, fino al ritrovamento di questo viale alberato, situato in un'area rurale del Paese, che i salici fossero utilizzati solo nell'antica capitale del Giappone. Si può affermare che l'antico potere statale puntasse su effetti visivi di forte impatto per manifestare la sua autorità, quali, appunto i viali alberati.
Sono stati scoperti, inoltre, 40 pali forgiati in legno di castagno. Si tratta, con tutta probabilità di supporti per gli alberi di salice. Secondo la datazione al radiocarbonio, le radici degli alberi ed i pali di castagno posti ai margini del viale, risalgono al tardo IX secolo e all'inizio del X secolo d.C.. E' stata trovata anche una targhetta in legno con la scritta Tengyo junen (decimo anno di Tengyo - circa 947 d.C.).
I viali alberati sono presenti nella letteratura giapponese. La più antica citazione risale ad un'antologia poetica del VII-VIII secolo d.C.

Fonte:
asahi.com
Posta un commento

I segreti della città abbandonata di Ayawiri

Vista dal forte abbandonato sulla collina di Ayawiri, in Perù (Foto: Elizabeth Arkush) Intorno al 1450 d.C. , gli Incas effettuarono un...