lunedì 2 aprile 2018

Galeno segreto...

Manoscritto con la traduzione in siriaco del testo
di Galeno con sovrascritto dell'XI secolo
(Manchester University, SLAC National
Accelerator Laboratory)
Gli scienziati hanno scoperto una traduzione di VI secolo d.C. di un libro del medico greco-romano Galeno. Le parole erano state raschiate dal manoscritto su pergamena e su di esse erano stati scritti degli inni dell'XI secolo.
Galeno di Pergamo, influente medico e filosofo, era il medico di corte di imperatori e anche di gladiatori. Uno dei suoi molti lavori, "Sulla miscela e sui poteri delle droghe semplici", era un testo farmaceutico importantissimo che educò, nell'antichità, generazioni di medici greco-romani. Questo testo venne tradotto, nel VI secolo d.C., in siriaco, un linguaggio che servì da ponte tra il greco e l'arabo e che aiutò a diffondere le idee di Galeno nel mondo islamico antico.
Nonostante, però, la fama di cui continuò a godere Galeno nei secoli, la versione superstite più completa del manoscritto tradotto in siriaco è stata cancellata e sopra vi sono stati scritti inni dell'XI secolo, secondo una pratica assai diffusa all'epoca. Questi documenti scritti su altri sono conosciuti con il nome di palinsesti.
Il testo siriaco dell'originale scritto di Galeno è stato indagato con i raggi X presso la Stanford Synchrotron Radiation Lightsource. I primi risultati hanno rivelato molte delle parole del testo medico che si trovava sotto lo scritto dell'XI secolo, permettendo agli studiosi di raccogliere nuove informazioni su Galeno.
Il testo originale di Galeno è in studio da oltre dieci anni da parte di un team multidisciplinare che si serve delle più avanzate tecniche a disposizione. Ogni foglio del manoscritto ha fornito e continua a fornire indizi preziosi sullo stato delle conoscenze mediche in quel particolare momento in Medio Oriente. "Se si vuole capire la medicina in Medio Oriente, si deve guardare alla traduzione dei testi antichi e alla trasmissione della conoscenza", ha detto Peter E. Pormann, professore di studi classici e greco-arabi dell'Università di Manchester.
Il manoscritto dell'XI secolo che nasconde la trascrizione in siriaco di un
testo medico di Galeno (Farrin Abbott, SLAC)
La sezione del manoscritto appena esaminata è comparsa in Germania agli inizi del 1900 ed era originariamente custodita nel monastero di S. Caterina, nella penisola del Sinai. Le pagine scansionate diventeranno immagini digitali ad alta risoluzione che andranno ad aggiungersi a quelle liberamente disponibili online grazie all'Istituto Schoenberg dell'Università della Pennsylvania.
Alcuni fogli del manoscritto siriaco originale sono state, in passato, rimosse e sono finite nelle biblioteche di Africa, Europa e Stati Uniti, tra cui le biblioteche della Harvard University, di Parigi, della penisola del Sinai e del Vaticano. Tutte queste istituzioni hanno accettato di rilasciare immagini digitali delle loro porzioni di manoscritto che andranno a completare il quadro che gli studiosi stanno sforzandosi di comporre.
Per riciclare la pergamena, materiale estremamente raro all'epoca, gli scribi dell'XI secolo hanno rimosso e sostituito il testo originale con strati di calce, una sorta di rudimentale bianchetto, e poi vi hanno scritto sopra i versi trovati. Studi precedenti all'attuale avevano rivelato tracce di un testo originario al di sotto di quello dell'XI secolo, ma era risultato di difficile lettura, poiché sia il testo che reca la traduzione del libro di Galeno che quello dell'XI secolo sono stati scritti con inchiostro simile. Inoltre il testo di Galeno era stato accuratamente occultato.

Fonte:
SLAC National Accelerator Laboratory
Posta un commento

Mummia di bambino creduta mummia di falco

La mummia creduta di falco appartenente, invece, ad un feto affetto da anencefalia (Foto: University of Western Ontario) I resti mummif...