domenica 16 dicembre 2018

Azerbaigian, il gioco degli antichi pastori

Azerbaigian, il "gioco da tavolo"  (Foto: W. Crist/Gobustan National Park)
Una serie di piccoli fori intagliati nel pavimento di un riparo roccioso in Azerbaijan rivela che i pastori nomadi di 4000 anni fa conoscevano quelli che noi oggi chiameremmo "giochi da tavolo". Il ricercatore Walter Crist, dell'American Museum of Natural History di New York, ha esplorato questo antico rifugio posto in un parco nazionale dell'Azerbaijan ed ha rinvenuto questo prezioso reperto sul quale compaiono 58 fori.
Questo "gioco da tavolo" è stato talvolta chiamato "cani e sciacalli". Howard Carter, celebre per aver trovato la sepoltura di Tutankhamon, rinvenne un gioco simile, comprensivo di "pedine" a forma di animali, nella sepoltura di Amenemhat IV, vissuto nel XVIII secolo a.C.
Per quanto riguarda il gioco trovato nel rifugio roccioso dell'Azerbaijan, sembra risalga al II millennio a.C., quando questa parte dell'Asia era popolata da pastori nomadi. All'epoca il gioco era diffuso in tutto il Medio Oriente antico, in Egitto ed in Mesopotamia. "Appare improvvisamente ovunque nello stesso tempo", ha detto Walter Crist. "Al momento la forma più antica è stata rinvenuta in Egitto, ma non è molto più antica di quella dell'Azerbaigian".
Crist stava cercando un'altra copia di questo gioco, che aveva visto in una fotografia su una rivista dell'Azerbaijan. Purtroppo, però, il sito archeologico, che si trova nei pressi della capitale del Paese, Baku, è stato interrato al di sotto di un complesso residenziale.
Gli archeologi del Parco Nazionale di Gobustan, dove è stato rinvenuto il "gioco da tavolo", conoscevano questi reperti ma non erano riusciti a collegarli ad una funzione precisa. Le regole che guidavano questo gioco sono ancora sconosciute ma molti ricercatori pensano che si trattasse di una sorta di backgammon antico, con contatori fatti di semi o pietre, spostati lungo il bordo. Crist ritiene, invece, che il backgammon sia un "erede" del gioco romano della Tabula.
Il gioco dei 58 fori è antico, ma non è il gioco più antico. Il gioco reale di Ur, risalente al III millennio a.C., è l'esempio più antico. Crist ha studiato anche i giochi da tavolo egiziani quali il Senet e il Mehen, comparsi a partire dal 3000 a.C.

Fonte:
livescience.com

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...