lunedì 13 maggio 2019

Giza, scoperta una nuova necropoli

Giza, l'interno di una delle sepolture nel cimitero appena scoperto
(Foto: Ahmed Romeih)
Il ministro delle antichità egiziane Khaled el-Enany ha annunciato la scoperta di un cimitero dell'Antico Regno, nel quale vennero sepolti coloro che lavorarono alla costruzione delle piramidi, nella piana di Giza.
Il cimitero contiene la più antica sepoltura familiare scavata nel calcare e risalente alla V Dinastia (2500 a.C. circa) che conserva affreschi ed iscrizioni. La sepoltura appartiene a due persone, Behnui-Ka, che ha sette titoli, tra i quali figurano quello di sacerdote, di giudice e di ufficiale giudiziario anziano del tribunale. Il secondo proprietario della sepoltura, un certo Nwi Who, aveva cinque titoli tra i quali quello di sorvegliante dei nuovi insediamenti.
Tra i reperti più significativi scoperti nella sepoltura vi è una statua calcarea di raffinata fattura, appartenente ad uno dei proprietari della tomba. Ashraf Mohi, direttore generale della piana di Giza, ha affermato che il cimitero è stato riutilizzato estesamente durante l'VIII secolo a.C. In loco sono stati scoperti bare del periodo tardo in legno verniciato e decorati con coperchi antropomorfi. Alcune di queste tombe hanno iscrizioni geroglifiche. Sono state trovate anche molte maschere funerarie in legno ed argilla, alcune delle quali recanti tracce di colore.

Fonte:
english.ahram.org.eg

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...