giovedì 15 agosto 2019

Grecia, trovati i resti di cinque importanti naufragi

Egeo, una delle anfore rinvenute (Foto: en.protothema.gr)
Interessantissime scoperte sono state fatte sul fondo del Mar Egeo. Si tratta dei resti di ben cinque naufragi di navi che portavano anfore e di un'ancora che fa riferimento ad un'imbarcazione di dimensioni importanti. I reperti sono stati rinvenuti dagli archeologi subacquei che stanno perlustrando le acque di Levitha, una piccola isola del Mar Egeo, tra Amorgos e Leros.
Sicuramente la scoperta più importante è costituita dalle anfore provenienti dall'Egeo (Kidnos, Kos e Rodi), dalla Fenicia e da Cartagine, datate alla metà del III secolo a.C., quando su quel tratto di mare dominavano i Tolomei e gli Antigonidi. Si tratta delle anfore più antiche rinvenute finora nell'Egeo.
Particolarmente interessante è un'ancora in granito, che giaceva ad una profondità di 45 metri e che pesa 400 chilogrammi. E' stata datata, al momento, al IV secolo a.C. e si presume sia stata utilizzata da una nave di dimensioni eccezionali.
La ricerca archeologica in questo specchio di mare, che terminerà nel 2021, ha l'obiettivo di identificare e documentare gli antichi relitti presenti nella zona costiera di quattro isole: Levitha, Mavria, Glaros e Chinaros, che hanno svolto un ruolo chiave nella navigazione antica ma anche moderna.

Fonte:
en.protothema.gr

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...