giovedì 15 agosto 2019

Grecia, i micenei di Aidonia

Aidonia, uno dei recipienti in terracotta rinvenuto nelle sepolture
(Foto: greece.greekreporter.com)
Il Ministero greco della cultura ha annunciato la scoperta di due tombe a camera risalenti al periodo miceneo (1400-1200 a.C.), vicino a Nemea, nel Peloponneso. Le tombe, trovate nei pressi della necropoli di Aidonia, comprendono cinque sepolture complete e gli scheletri di 14 individui, i cui resti erano stati qui trasferiti da altre tombe.
Le due tombe a camera hanno restituito una serie di vasi in terracotta, figurine ed altri piccoli oggetti. Si tratta, comunque, di una scoperta che non è in linea con analoghe sepolture micenee scavate ad Aidonia negli anni passati. Queste tombe a camera presentano anche una sorta di vani-ripostiglio, armi ed altri oggetti appartenuti, con certezza, ad un individuo di alto rango. Le sepolture, comunque, spianano la strada ad una maggiore comprensione dello sviluppo dell'antico insediamento ed ai suoi legami con i villaggi limitrofi.
Aidonia, che si trova nei pressi dei vigneti di Nemea, era un insediamento chiave della civiltà micenea il cui periodo più fiorente può collocarsi tra il XVII e il XII secolo a.C. Gli scavi ad Aidonia sono iniziati negli anni '70 del secolo scorso, dopo che il sito era stato ampiamente saccheggiato. Furono allora rinvenute circa venti tombe a camera, scavate nella roccia, con una strada di accesso, ingressi e la camera sepolcrale propriamente detta. Sono stati rinvenuti anche, in un pozzo scavato nel terreno, dei gioielli antichi chiusi in uno scrigno.
Proprio questi gioielli hanno aiutato gli esperti ad evitare che un altro set di gioielli fosse venduto in una casa d'aste di New York nel 1993.

Fonte:
greece.greekreporter.com

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...