sabato 3 agosto 2019

Iraq, riemerge un antico palazzo Mitanni

Iraq, bacino della diga di Mosul, il ritrovamento delle tavolette cuneiformi
(Foto: University of Tubingen eScience Centre/Kurdistan
Archaeology Organization)
Nel Kurdistan, in Iraq, in seguito ad una severa siccità sono emersi i resti di un palazzo di 3400 anni fa all'interno del serbatoio della diga di Mosul, sulle rive del fiume Tigri. Gli archeologi sperano che questo ritrovamento contribuisca a migliorare la conoscenza dell'impero Mitanni, uno dei meno conosciuti del Vicino Oriente Antico. Lo scavo è stato curato da un'equipe archeologica curdo-tedesca. L'archeologo curdo Hasan Ahmed Qasim ha dichiarato che "La scoperta è una delle scoperte archeologiche più importanti della regione negli ultimi decenni".
Inizialmente il palazzo si trovava su una terrazza sopraelevata, successivamente è stato aggiunto un muro di mattoni di fango per stabilizzarlo che ne aumentò l'imponente architettura. Il palazzo era noto come Kemune e le sue pareti di fango erano spesse fino a due metri ed alte altrettanto. Alcune erano intonacate. I ricercatori hanno trovato dipinti murali nei toni del rosso e del blu, caratteristica che, con tutta probabilità, era comune ai palazzi dell'epoca ma che è stata raramente trovata così ben conservata.
Sono state scoperte anche dieci tavolette d'argilla con segni cuneiformi le cui foto ad alta definizione sono state inviate in Germania per tradurne il testo. I ricercatori sperato che da quest'ultimo possano ricavarsi ulteriori informazioni sulla struttura dell'impero Mitanni, sulla sua organizzazione economia e le relazioni che intercorrevano tra la capitale Mitanni ed i centri amministrativi delle regioni vicini.

Fonte:
edition.cnn.com

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...