giovedì 27 settembre 2012

Un cimitero vichingo in Polonia

Le sepolture del guerriero e della donna a Bodzia
Gli archeologi sono piuttosto perplessi dal ritrovamento di un cimitero vichingo di mille anni fa scoperto nei pressi del villaggio di Bodzia, nella Polonia centrale.
Gli scavi nella località si sono svolti dal 2007 al 2009 ed hanno restituito 57 tombe. I riti funebri riscontrati nelle sepolture erano piuttosto mescolati: riti scandinavi, slavi, propri delle tradizioni morave e bizantine.
Ad attirare l'attenzione degli archeologi, in particolare, è stata la tomba di un giovane guerriero di circa 25 anni, sepolto in posizione fetale, con una spada d'argento che rievoca le tradizioni vichinghe. Gli oggetti ritrovati nella tomba suggeriscono l'origine dell'uomo dalla Rus' di Kiev, uno stato che finì per disintegrarsi nel XIII secolo. Probabilmente l'uomo seppellito con la sua spada era stato reclutato da uno dei capi della Rus' di Kiev.
Accanto al giovane guerriero sono stati trovati i resti di una giovane donna, che tradiscono la sua morte violenta, forse in occasione di un sacrificio rituale. Anche le bare hanno attratto l'attenzione degli studiosi. Un terzo delle bare sono in legno.
Nel cimitero è chiaramente stata sepolta l'élite locale.
Posta un commento

La tempesta Ophelia fa scoprire un antico scheletro

I resti scoperti su una spiaggia irlandese (Foto: Jim Campbell) Resti scheletrici che si ritiene risalgano all' Età del Ferro sono...