mercoledì 28 agosto 2013

Antichi riti siberiani

L'anello di bronzo ritrovato in Siberia (Foto: Novosibirsk State University)
Uno studente russo ha fatto un'eccezionale scoperta in Siberia: un anello in bronzo di 2000 anni fa, che potrebbe essere appartenuto ad un'antica tribù che aveva gli orsi polari quali animali sacri.
"L'anello è molto piccolo di diametro, probabilmente apparteneva ad una ragazza. Siamo giunti alla conclusione che sia stato utilizzato in un rituale connesso con il culto dell'orso e deve essere stato posto sull'artiglio dell'animale", ha dichiarato l'archeologo Andrey Gusev, del Centro di Ricerca Scientifica nell'Artico.
L'anello è stato ritrovato nei pressi di un antico santuario nel Salechard, sulla riva del fiume Polui. Gli scavi sul posto vanno avanti dal 1932, si ritiene che il luogo sia stato un centro spirituale fino al I secolo a.C.. Gli oggetti che sono stati ritrovati sul luogo sono stati diversi, nel corso degli anni. Le tribù Khanty, che abitavano la zona, non hanno lasciato alcuna prova scritta della loro esistenza.
La testa e le zampe anteriori dell'orso, durante le cerimonie sacre, erano adornate con un fazzoletto e con anelli per onorare la memoria dell'animale. Venivano lasciate in questo modo per un paio di giorni. Questo non è il primo oggetto del genere scoperto nel sito. L'anno scorso gli archeologi hanno portato alla luce un uccello con una maschera sul petto ed un ciondolo che mostra un animale che morde un uccello, entrambi gli oggetti sono stati realizzati in bronzo.
La località sacra siberiana si trovava all'incrocio di zone naturali e di luoghi di tradizione culturali. Qui si incontravano persone di diversa origine e provenienti da diversi territori.
Posta un commento

La tempesta Ophelia fa scoprire un antico scheletro

I resti scoperti su una spiaggia irlandese (Foto: Jim Campbell) Resti scheletrici che si ritiene risalgano all' Età del Ferro sono...