sabato 31 agosto 2013

Scoperta la Venere di Racibòrz

La Venere di Racibòrz (Foto: Piotr Szejnoga)
Una statuetta neolitica (IV millennio a.C.) raffigurante una figura femminile stilizzata è stata ritrovata durante gli scavi di Racibòrz, in Polonia. Finora solo pochi e piccoli frammenti di epoca neolitica sono stati scoperti in Polonia.
La statuina è stata soprannominata Venere di Racibòrz, perché è simile a reperti di questo tipo emersi in altri contesti europei di epoca paleolitica. Sono visibili chiaramente le gambe, i fianchi ampi, il seno, una rappresentazione schematica della testa e delle mani alzate in gesto di adorazione. La Venere di Racibòrz, differentemente da altre figurine coeve, è in argilla. Le statuette femminili sono solitamente associate al culto della fertilità e della Dea Madre e sono segno della grande importanza conferita alle donne in epoca neolitica.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...