lunedì 12 agosto 2013

Un tesoro neolitico nel mare di Capri

Ossidiana nel mare di Capri
Nel mare di Capri giace un carico di ossidiana risalente a oltre 5000 anni fa, secondo il sub Vasco Fronzoni. A settembre si effettueranno dei rilievi e si preleverà del materiale per accertare l'età dei reperti.
Fronzoni ritiene che il carico sia legato alla presenza, nei fondali dell'isola campana, di un relitto neolitico che trasportava, lungo le coste italiane, l'ossidiana adoperata come materia prima per la fabbricazione di armi, utensili e altri manufatti e che, in un'era precedente all'avvento dei metalli, era un materiale preziosissimo.
Quello di Capri è, dunque, con tutta probabilità, uno dei più antichi carichi marittimi ritrovati nel bacino del Mediterraneo. Si attendono, ora, i rilevamenti geodetici e geofisici per inquadrare il reperto dal punto di vista storico ed archeologico.
Posta un commento

La tempesta Ophelia fa scoprire un antico scheletro

I resti scoperti su una spiaggia irlandese (Foto: Jim Campbell) Resti scheletrici che si ritiene risalgano all' Età del Ferro sono...