martedì 10 giugno 2014

Scoperto un terzo mosaico, colorato, a Bedriacum

Il mosaico colorato rinvenuto a Bedriacum (Foto: Corsera)
A Cremona è stato scoperto il terzo mosaico dell'antica Bedriacum. Il ritrovamento è dovuto a dei giovani archeologi dell'Università degli studi di Milano. Si tratta di un mosaico policromo pertinente un grande ambiente.
Il mosaico è stato datato al III secolo d.C. e presenta cinque colori: bianco, nero, rosa, viola e giallo. Al centro spicca una treccia che inquadra un motivo figurato. Bedriacum ora si chiama Calvatone e si trova nel Cremonese. Era un vicus di età romana in Lombardia e i suoi resti sono in fase di scavo da 28 anni. Quello appena ritrovato è il terzo mosaico emerso dagli scavi diretti dalla Professoressa Maria Teresa Grassi, ad oltre 50 anni dalla scoperta del Mosaico del Labirinto ed a sei anni da quella del mosaico del Kantharos.
L'area in cui si sta così proficuamente scavando fu acquistata nel 1964 dalla Provincia, dietro suggerimento dell'allora soprintendente Mirabella Roberti. Qui venne presto in luce la Domus del Labirinto e recentemente sono emersi ambienti artigianali e case del I secolo d.C.. Il settore scavato quest'anno era ancora ignoto.
Archeologi e visitatori sul luogo del ritrovamento del mosaico
(Foto: Corsera)
La scoperta rivoluziona le idee finora maturatesi sullo sviluppo urbanistico di Bedriacum. Finora i mosaici ritrovati erano bicromi, in bianco e nero, ed appartenevano a case della prima metà del I secolo d.C.. Il mosaico ora ritrovato è posteriore, appartenente quasi sicuramente al III secolo d.C., periodo durante il quale non si hanno notizie di insediamenti di lusso nel vicus, ma solo di edifici artigianali, commerciali e di servizio.
Bedriacum era un piccolo centro della Cisalpina romana fondato nel II secolo a.C. nel territorio di Cremona, lungo l'asse della via Postumia, presso un guado dell'Oglio e frequentato fino al V secolo d.C.. Questa posizione fece di Bedriacum un importante nodo stradale e fluviale nell'area medio-padana. Nel 69 d.C., l'anno dei quattro imperatori, si affrontarono, in scontri successivi, dapprima Otone contro Vitellio, poi quest'ultimo contro le truppe di Vespasiano.
Posta un commento

La tempesta Ophelia fa scoprire un antico scheletro

I resti scoperti su una spiaggia irlandese (Foto: Jim Campbell) Resti scheletrici che si ritiene risalgano all' Età del Ferro sono...