domenica 6 luglio 2014

Prezioso reperto rinvenuto in Olanda

La ciotola ritrovata (Foto: Restaura, Haelen)
Gli archeologi dell'Università di Leida hanno scoperto, in uno scavo condotto ad Oegstgeest, in Olanda occidentale, una rarissima ciotola d'argento della prima metà del VII secolo d.C., decorata con rappresentazioni dorate di animali e piante ed intarsiata di pietre semi-preziose. La scoperta porta a pensare all'esistenza di un'élite aristocratica nella zona.
La ciotola è larga 21 centimetri ed alta undici e venne seppellita come parte di un sacrificio rituale. Scoperte come questa sono molto rare ed eccezionali perché solitamente questi oggetti erano fatti in bronzo e non erano, di norma, decorate d'oro. Il che significa che la ciotola appena ritrovata è un artefatto unico non solo per quanto riguarda i Paesi Bassi, ma anche per tutta l'Europa Occidentale.
La ciotola in situ (Foto: JW Bron, Leiden)
Presumibilmente la ciotola era utilizzata come contenitore di liquidi per bere o per lavarsi ed è composta da elementi risalenti ad epoche diversi. La parte più antica è sicuramente la coppa stessa, che risale al tardo impero romano ed alcuni riferimenti al Mediterraneo Orientale e al Medio Oriente. Altre decorazioni risalgono alla prima metà del VII secolo d.C. e mostrano influenze culturali tedesche, mentre gli anelli di sospensione della ciotola sono caratteristici dell'Inghilterra e della Scandinavia.
La ciotola è stata scoperta un anno fa e non ne è stata data notizia per consentire di proseguire gli scavi sul sito. L'oggetto giaceva dove un tempo vi era un grande villaggio risalente al VI-VII secolo d.C., situato nei pressi del fiume Reno e attraversato da una rete di piccoli corsi d'acqua. Proprio lungo uno di questi ultimi è stata rinvenuta la preziosa coppa.
Posta un commento

Sicilia, nuove scoperte nella villa di Realmonte

Gli archeologi sul sito dell'antica villa di Realmonte, in Sicilia (Foto: USF) Gli archeologi hanno scoperto nuovi reperti di un...