mercoledì 17 settembre 2014

I misteri del relitto di Antikythera

Parte della mostra sul meccanismo di Antikythera allestita presso il
Museo Archeologico di Atene il 14 settembre di quest'anno (Foto: AFP)
Gli archeologi che stanno operando sul sito del naufragio dell'imbarcazione che ha restituito il meccanismo di Antikythera, hanno intenzione di servirsi di un nuovo e rivoluzionario apparato di ricerca subacquea per esplorare ulteriormente i fondali del naufragio.
Il meccanismo di Antikythera, forse il più antico calcolatore del mondo, datato al II secolo d.C., venne scoperto da alcuni pescatori di spugne al largo di un'isola nel mar Egeo nel 1900. Il meccanismo è piuttosto complesso: presenta fino a 40 ingranaggi in bronzo ed era utilizzato dagli antichi per monitorare i cicli del sistema solare. Da allora ci sono voluti più di 1500 anni perché venisse realizzato un orologio astronomico altrettanto sofisticato.
Gli archeologi intendo, ora, tornare ad esplorare il relitto che conteneva questo misterioso e complesso meccanismo, servendosi di uno scafandro che permetterà loro di raggiungere, in tutta sicurezza, una profondità doppia rispetto a quella alla quale abitualmente si immergono. Lo scafandro è molto simile ad una tuta spaziale e permette di arrivare fino a 150 metri di profondità.
Gli archeologi ritengono che vi siano altri reperti in attesa di essere recuperati dal relitto. Finora avevano potuto operare solo fino a 60 metri di profondità. Il meccanismo di Antikythera è stato rinvenuto assieme ad una spettacolare statua di bronzo raffigurante un giovane. Forse la nave affondata in questo luogo trasportava un ricco bottino di guerra diretto a Roma.
Il Responsabile della Direzione per le Antichità Sommerse greche, Angeliki Simosi ritiene che vi siano i presupposti per il ritrovamento di altri importanti oggetti trasportati dalla nave naufragata. In particolare gli archeologi sperano di poter confermare la presenza, sui fondali dell'Egeo, di una seconda nave, situata a 250 metri di distanza dal sito del relitto di Antikythera.
Antikythera era, un tempo, una cittadina posta su una delle più importanti e trafficate rotte commerciali dell'antichità. Era anche la base dei pirati cilici che catturarono Giulio Cesare.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...