venerdì 17 ottobre 2014

I forni di Selinunte

Scavi di Selinunte: piattaforma di cottura (Foto: Martin Bentz)
Gli archeologi tedeschi hanno scoperto la più grande zona industriale del mondo greco durante gli scavi in Sicilia. Il quartiere artigianale si estendeva su una superficie di ben 3.200 metri quadrati e contava circa 80 forni per la produzione delle ceramiche. Il più grande dei forni aveva 7 metri di diametro.
E' Selinunte la città della Magna Grecia che custodiva questo grande quartiere artigianale. Selinunte è soprattutto nota per i suoi grandi templi e godette, per lunghi anni, di una straordinaria prosperità, prima di essere ridotta dai Cartaginesi ad un cumulo di macerie.
Il quartiere industriale era situato lungo il fiume Cottone, ora insabbiato, ed operava all'interno delle mura cittadine. Era separato dal resto della città da una zona non edificata, per poter proteggere gli abitanti dal pericolo di incendi, dall'odore e dal rumore.
Gli archeologi tedeschi sono coordinati dal Professor Martin Bentz, dell'Università di Bonn. Gli scavi hanno rivelato che il quartiere industriale era stato costruito su quattro terrazzamenti sulle pendici della collina cittadina. Era caratterizzato da un cortile centrale per preparare i prodotti prima della cottura, da due aree di lavoro e di cottura di grandi dimensioni e, verso i limiti cittadini, dai negozi che smerciavano i prodotti.
Questa struttura industriale venne probabilmente costruita alla metà del V secolo a.C. per la produzione massiccia di tegole e vasi. La zona industriale andò distrutta con la conquista cartaginese di Selinunte nel 409 a.C.. Il Professor Bentz ha rintracciato uno spesso strato di cenere che ricopriva le strutture e che può essere datata all'anno della distruzione della città.
Gli scavi sono iniziati quattro anni fa e si pensa di protrarli fino al 2016.
Posta un commento

I misteri di Bryn Celli Ddu, Galles

Bryn Celli Ddu, la tomba neolitica sull'isola di Anglesey (Foto: Alamy Stock) Gli archeologi hanno scoperto, sull' isola di Ang...