giovedì 30 ottobre 2014

Resti di bambini e lama sacrificati in Perù

John Verano, a destra, esamina i resti di uno dei bambini sacrificati
600 anni fa (Foto: John Verano)
L'antropologo John Verano ha trascorso gli ultimi 30 anni della sua carriera in Perù, scavando e cercando di risolvere i misteri legati agli antichi ritrovamenti umani. Ultimamente la sua attenzione si è concentrata su un reperto che costituisce un unicum per il Perù: un sacrificio di bambini e di giovani lama di 600 anni fa.
Gli scavi di cui si sta occupando John Verano si trovano nei pressi del villaggio costiero di Huanchaquito. Qui l'archeologo peruviano Gabriel Prieto nel 2011 ha ritrovato i resti di 42 bambini sacrificati in una cerimonia religiosa unitamente a ben 76 lama. Questa regione faceva parte, un tempo, dello Stato Chimù, che aveva esteso il suo dominio su gran parte delle coste del Perù tra il 1100 e il 1470 d.C., prima di essere conquistato dagli Inca.
Quest'anno Gabriel Prieto e John Verano hanno ampliato gli scavi del 2011 e completato gli studi sui resti dei bambini. Il loro ultimo scavo ha restituito, inoltre, altri resti di numerose vittime sacrificali che sicuramente forniranno un quadro più dettagliato di questo crudele ed insolito evento.
I ricercatori ritengono che il sacrificio possa essere stato un'offerta al mare oppure un tentativo di scongiurare i danni di una grave inondazione causata dal El Nino. I lama, in questo caso, dovevano servire per trasportare le vittime verso il mondo ultraterreno.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...