lunedì 24 novembre 2014

Trovata una testa di Amenhotep III

Veduta generale del tempio di Montu
(Foto: CNRS-CFEETK-Christophe Thiers)
Nel tempio di Armant, in Egitto, è stata portata alla luce una testa in arenaria della XVIII Dinastia, appartenente ad Amenhotep III. Il tempio di Armant si trova a 25 chilometri da Luxor. Qui lavora una missione dell'Istituto Francese di Studi Orientali (IFAO), i cui archeologi hanno scoperto la testa in di Amenhotep III, il nonno di Tutankhamon.
Il Ministro per le Antichità Mamdouh El-Damaty ha affermato che si è trattato di una scoperta casuale, fatta durante il restauro e il consolidamento delle fondazioni del tempio. Purtroppo il ritratto di Amenhotep III non è in buone condizioni: il volto è quasi totalmente danneggiato, anche se è visibile una parte della corona. Il reperto è ora in restauro presso la galleria dell'IFAO a Luxor.
Il tempio di Armant fu dedicato al culto del dio dalla testa di falco Montu, che era anche il dio della guerra. Venne costruito, in origine, nell'Antico Regno, ma è stato riutilizzato in epoca tolemaica, mentre le decorazioni e le aggiunte sono di epoca romana. Il tempio era un importante centro per il culto dei tori e conteneva molte sculture dell'animale sacro, la maggior parte delle quali si trova, ora, nei musei di tutto il mondo.
Posta un commento

Indagini archeologiche a Pisa

(Foto: Pisa Today) Emergono le prime scoperte a pochi giorni dall'inizio dell'indagine archeologica condotta tra Bagni di Neron...