lunedì 24 novembre 2014

Trovata una testa di Amenhotep III

Veduta generale del tempio di Montu
(Foto: CNRS-CFEETK-Christophe Thiers)
Nel tempio di Armant, in Egitto, è stata portata alla luce una testa in arenaria della XVIII Dinastia, appartenente ad Amenhotep III. Il tempio di Armant si trova a 25 chilometri da Luxor. Qui lavora una missione dell'Istituto Francese di Studi Orientali (IFAO), i cui archeologi hanno scoperto la testa in di Amenhotep III, il nonno di Tutankhamon.
Il Ministro per le Antichità Mamdouh El-Damaty ha affermato che si è trattato di una scoperta casuale, fatta durante il restauro e il consolidamento delle fondazioni del tempio. Purtroppo il ritratto di Amenhotep III non è in buone condizioni: il volto è quasi totalmente danneggiato, anche se è visibile una parte della corona. Il reperto è ora in restauro presso la galleria dell'IFAO a Luxor.
Il tempio di Armant fu dedicato al culto del dio dalla testa di falco Montu, che era anche il dio della guerra. Venne costruito, in origine, nell'Antico Regno, ma è stato riutilizzato in epoca tolemaica, mentre le decorazioni e le aggiunte sono di epoca romana. Il tempio era un importante centro per il culto dei tori e conteneva molte sculture dell'animale sacro, la maggior parte delle quali si trova, ora, nei musei di tutto il mondo.
Posta un commento

Indonesia, trovate antiche pitture rupestri

Alcune delle pitture rupestri rinvenute sull'isola indonesiana di Kisar (Foto: Università Nazionale Australiana) Una piccola isola ...