lunedì 2 marzo 2015

Trovata una fortezza mongola

Le rovine della fortezza di Gengis Khan (Foto: Asahi Shimbun)
Una squadra di archeologi giapponesi e mongoli hanno scoperto i resti di un avamposto militare del XIII secolo fatto costruire da Gengis Khan (1162 - 1227) nel sudovest della Mongolia. Gli archeologi ritengono che questa scoperta potrebbe essere fondamentale per conoscere di più sulla strategia dell'impero mongolo.
I ricercatori hanno esplorato le rovine che si trovano a circa 880 chilometri ad ovest di Ulan Bator nel 2001 ed hanno scoperto che le caratteristiche geografiche della regione erano simili a quelle descritte in un diario redatto da un monaco taoista cinese durante il medioevo. Gli archeologi sono riusciti a portare alla luce frammenti di ceramiche cinesi risalenti al XIII secolo. Una fotografia aerea scattata nel 2001 mostra i resti di una fortezza circondata da un muro di terra.
La scorsa estate gli archeologi impegnati negli scavi hanno datato al radiocarbonio dei resti di legno rinvenuti sul territorio e delle ossa di animali. L'analisi ha restituito una datazione compresa tra il XII e il XIII secolo, mentre le ossa sarebbero del XIV secolo. Si pensa che la fortezza sia stata commissionata da un collaboratore di Gengis Khan nel 1212.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...