venerdì 20 novembre 2015

Una paletta per incenso da Khirbet el-Eika

La pala d'incenso trovata a Khirbet el-Eika, nella Galilea orientale
(Foto: Tal Rogovski/Times of Israel)
Gli archeologi che stanno scavando nei pressi delle rovine di Khirbet el-Eika, ad ovest del Mare di Galilea, hanno scoperto una pala di incenso ellenistica che potrebbe essere risolutiva nel datare l'insediamento che sorgeva sulle colline vicino al Kinneret dei Giudei.
La pala d'incenso, antica di più di duemila anni, è stata scoperta da un gruppo di archeologi dell'Università di Gerusalemme guidati dal Dottor Uzi Lebner, che sta cercando di fare luce sull'identità degli abitanti di Galilea durante il periodo del Secondo Tempio. Secondo le prime scoperte, quest'area fu inizialmente abitata da popoli non ebrei tra il V e il III secolo a.C.. Dopo un periodo di dominazione ellenistica, questo luogo passò sotto il dominio ebraico.
Il sito di Khirbet el-Eika era una città fortificata che venne violentemente distrutta nel 140 d.C. circa. Poco lontano gli archeologi hanno scoperto un villaggio ebraico-romano con una sinagoga adorna di splendidi mosaici. La pala d'incenso appena ritrovata è sicuramente l'indizio della presenza di una popolazione pagana. Il modello è di ispirazione greco-romana e potrebbe essere associato con i resti di un antico naufragio trovati ad Ashkelon, nel 1998. Qui i ricercatori rinvennero due mestoli di bronzo ornati con teste d'anatra, forse utilizzati nei rituali o come oggetti cerimoniali e apotropaici.
La pala per incenso è stata trovata insieme ad altri reperti quali anfore di Rodi e Kos, del peso di circa 39 chilogrammi. L'importazione di questi oggetti deve essere stata piuttosto costosa e per questo venivano considerati, con tutta probabilità, oggetti di lusso.
Il Dottor Leibner ha affermato che Khirbet el-Eika venne distrutta dagli Asmonei, anche se è necessario trovare ulteriori riscontri a questa ipotesi.
Posta un commento

In mostra le lamine d'oro di Tutankhamon

Una delle lamine d'oro di Tutankhamon (Foto: english.ahram.org.eg) Il Ministro Egiziano delle Antichità , Khaled el-Enany , ha inau...