giovedì 30 giugno 2016

Uruk, una busta paga molto particolare...

La tavoletta-busta paga proveniente da Uruk in cui viene menzionata
la birra come salario (Foto: British Museum)
Un'antica tavoletta cuneiforme, risalente al 3000 a.C., scoperta nella città mesopotamica di Uruk, rivela che i lavoratori dell'antico centro mesopotamico vennero pagati con razioni di birra. La bevanda, all'epoca, era molto nutriente, carica di carboidrati, adatta a chi doveva costruire edifici in pietra, ziggurat e piramidi.
La tavoletta è scritta in cuneiforme. Vi compare un volto umano nell'atto di mangiare da una ciotola, questo gesto complesso è stato tradotto come "razione" mentre un vaso conico è stato tradotto come "birra". Sono stati individuati anche segni di registrazione della razione di birra spettante a ciascun lavoratore. In pratica la tavoletta può essere considerata la più antica busta paga del mondo.
Uruk non era l'unico luogo, nel mondo antico, dove i lavoratori erano pagati in birra. In un articolo pubblicato su Smithsonian.org, si fa cenno ai lavoratori delle piramidi, la cui razione giornaliera era di 4-5 litri di birra. Ma anche in tempi moderni vi sono stati casi di pagamenti di prestazioni lavorative in bevande. Geoffrey Chaucer, membro del parlamento e funzionario di governo nell'Inghilterra del XIV secolo, venne pagato con circa 252 litri di vino dal re Riccardo II. Anche nel poema di Gilgamesh vi è un accenno alla birra (III millennio a.C.).
Le più antiche tracce relative alla birra risalgono a 6000 anni fa e si riferiscono ai Sumeri che, si dice, scoprirono per caso il processo di fermentazione dei cereali.
Posta un commento

Novità da un antico palazzo minoico sull'isola di Creta

Uno dei reperti del palazzo di Zominthos a Creta (Foto: greece.greekreporter.com) Il Ministero della Cultura greco ha pubblicato nuove ...