domenica 4 dicembre 2016

Bitume siriano in una sepoltura inglese

Lo scafo della nave sepolcrale di Sutton Hoo in un'immagine del 1939
La sepoltura di Sutton Hoo, nell'Anglia orientale, datata al VII secolo d.C., è la tomba più riccamente arredata mai scoperta in Gran Bretagna. Frammenti di materiale organico scuro, trovato in precedenza nella tomba, hanno rivelato essere bitume, un prodotto assai pregiato e prezioso all'epoca, utilizzato sia per impermeabilizzare lo scafo delle navi che per l'imbalsamazione. La presenza del bitume è estremamente rara in Britannia.
Ci sono diverse fonti di bitume, in Gran Bretagna, ma i fossili chimici analizzati all'interno della sepoltura mostrano che questo materiale proveniva dal Mar Morto, forse dalla Siria. Al momento i ricercatori non sono in grado di stabilire se i frammenti di bitume siano parte di oggetti più grandi o fossero componenti, assieme ad altri, di materiali non sopravvissuti al tempo.
Il ritrovamento del bitume del Mar Morto, comunque, dimostra l'intensità del commercio di questo, come di altri materiali, nel corso dei primi secoli dell'era cristiana; non solo: questo ritrovamento è fondamentale per stabilire il valore e l'utilizzo del bitume nell'Europa settentrionale durante i primi secoli del medioevo.

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...