martedì 13 dicembre 2016

Gli svedesi scoprono una misteriosa città greca

L'acropoli della sconosciuta cittadina, visibile in una giornata nuvolosa
sulla pianura tessala (Foto: heritagedaily.com)
Un team di ricercatori internazionali del Dipartimento di Studi Storici dell'Università di Goteborg, in Svezia, ha esplorato un'antica città della Grecia centrale. I risultati possono cambiare il modo di vedere un'area tradizionalmente considerata poco importante del mondo antico.
L'antica città, risultata sconosciuta, si trova nei pressi di un villaggio chiamato Vlochòs, a 5 ore a nord di Atene. I resti archeologici sono sparsi intorno e sopra la collina di Strongilovoùni, nella grande pianura della Tessaglia, e sono datati a diversi periodi storici. In collaborazione con l'Istituto svedese di Atene e con il servizio archeologico locale a Karditsa, è stato avviato un progetto archeologico con il nome del villaggio, con l'obiettivo di esplorare i resti.
La collina sembra nascondere molti segreti. Innanzitutto sono emersi resti di torri, mura e porte della città sulla cima della collina, ma nulla è visibile sul terreno sottostante. E' stata individuata una delle piazze della città e l'impianto delle strade che sottintende che il misterioso e sconosciuto centro abitato fosse, in realtà, una città di una certa importanza. L'area all'interno della cinta muraria occupa circa 40 ettari. Sono emerse antiche ceramiche e monete che possono essere di ausilio nella datazione della città. I ritrovamenti più antichi sono stati datati al 500 a.C., ma si pensa che la misteriosa città abbia prosperato maggiormente dal IV al III secolo a.C., prima di essere abbandonata, per motivi ancora da stabilirsi, in concomitanza con la conquista romana della zona.

Fonte:
heritagedaily.com
Posta un commento

La tempesta Ophelia fa scoprire un antico scheletro

I resti scoperti su una spiaggia irlandese (Foto: Jim Campbell) Resti scheletrici che si ritiene risalgano all' Età del Ferro sono...