domenica 2 aprile 2017

Messico, rinvenuto un palazzo reale

L'area di scavo del palazzo reale di El Palenque, nel sud del
Messico (Foto: sciencenews.org)
Sono stati individuati i resti di un palazzo reale nel sud del Messico, la datazione dei resti rimanda ad un periodo compreso tra 2300 e 2100 anni fa. Gli scavi sono iniziati nella località di El Palenque nel 2014.
La costruzione era costituito da stanze separate, dove il governatore locale amministrava gli affari di stato e dove, invece, risiedeva con la sua famiglia. A curare i dettagli della scoperta sono gli archeologi Elsa Redmond e Charles Spencer, dell'American Museum of Natural History di New York. Il palazzo certamente apparteneva ad un'élite regale. Si tratta della struttura più antica finora scoperta nella valle di Oaxaca, che si estende su 2.790 metri quadrati. Una scalinata centrale portava ad un cortile interno che era, forse, utilizzato dal locale governatore e dai suoi consiglieri per riunirsi a prendere decisioni che investivano l'intera comunità, per tenere delle feste ma anche, in base ai frammenti di crani umani che vi sono stati ritrovati, anche per eseguire sacrifici rituali.
Le superfici pavimentate, gli scoli e altre strutture per raccogliere l'acqua piovana presenti in tutta la struttura, fanno pensare che l'edificio sia il frutto di un progetto ben preciso. Il palazzo di El Palenque non ospita sepolture, al suo interno. Probabilmente il locale sovrano venne sepolto altrove.

Fonte:
sciencenews.org
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...