sabato 19 maggio 2018

Bulgaria, scoperta una casa romana

Bulgaria, i resti della casa romana scoperti di recente
(Foto: archaeologyinbulgaria.com)
Una ricca villa romana del III-IV secolo d.C. è stata scoperta vicino alla città di Gurkovo, nella Bulgaria orientale, a 29 chilometri dalla principale città romana di Augusta Traiana, odierna Stara Zagora.
L'antica città romana di Ulpia Augusta Traiana fu probabilmente fondata nel 107 d.C. circa dall'imperatore romano Traiano sul sito di un precedente insediamento antico di nome Beroe. La città divenne rapidamente la seconda più importante della provincia romana della Tracia dopo Philipopolis, odierna Plovdiv.
Negli scavi più recenti ad Augusta Traiana, nel centro di Stara Zagora, gli archeologi hanno scoperto un totale di 27 tombe, parte di una necropoli antica. La casa romana è stata scoperta da una squadra di archeologi guidati da Mariya Kamisheva del Museo di storia della regione di Stara Zagora. Gli archeologi hanno portato alla luce una piscina molto ben conservata, come ben conservate sono le stanze della casa che si estende su un'area complessiva di oltre 100 metri quadrati.
Il sito della scoperta è stato attenzionato dagli archeologi dopo l'individuazione di diversi cacciatori di tesori. I ricercatori sono stati particolarmente sorpresi dalla scoperta della grande piscina, di forma semicircolare e del diametro di 4,04 metri; l'altezza si è conservata per 1,4 metri. Il comune di Gurkovo ha finanziato gli scavi, ritenendo che la scoperta possa essere, in futuro, foriera di turismo culturale. La villa romana possiede anche un ipocausto (pavimento riscaldato) con tracce di affreschi, ad indicare che la dimora apparteneva ad un ricco romano.
Sul posto gli archeologi hanno trovato due monete romane dall'inizio del IV secolo d.C. ed una moneta turco-ottomana che potrebbe indicare l'epoca in cui il complesso venne distrutto.

Fonte:
archaeologyinbulgaria.com
Posta un commento

Mummia di bambino creduta mummia di falco

La mummia creduta di falco appartenente, invece, ad un feto affetto da anencefalia (Foto: University of Western Ontario) I resti mummif...