mercoledì 16 maggio 2018

Scoperte antropologiche nel cimitero di Colchester

Colchester, gli scavi archeologici nel cimitero romano-cristiano
(Foto: gazette-news.co.uk)
L'analisi delle ossa ritrovate in un cimitero romano del IV secolo d.C. a Colchester, in Gran Bretagna, hanno dato come risultato che i sepolti erano in qualche modo imparentati tra di loro. L'analisi è stata effettuata dai ricercatori dell'Università dell'Essex.
L'analisi ha interessato individui che sono vissuti in lasso di tempo piuttosto vasto, tra il paganesimo e il cristianesimo, con sepolture romane orientate nord-sud alle quali si è sovrapposto un cimitero cristiano della tarda età romana, in cui le sepolture sono orientate est-ovest. Lo studio recentemente effettuato ha dimostrato che nel cimitero è possibile rintracciare molti raggruppamenti familiari.
Il Professor Nelson Fernàndez, a capo della ricerca, ha prelevato il Dna dalle ossa del femore di 29 individui rinvenuti nel cimitero. Le analisi hanno confermato l'ipotesi che vi erano dei nuclei familiari raggruppati insieme nello stesso cimitero. Colchester è considerato il più antico paese della Gran Bretagna, con un alto numero di zone destinate a necropoli. Il cimitero appena scavato dagli archeologi è uno dei più grandi cimiteri romano-britannici ed è associato ad un edificio ecclesiastico.

Fonte:
gazette-news.co.uk
Posta un commento

Iraq, scoperta un'antica città perduta

Mardaman, una delle tavolette scoperte dall'Università di Tubinga (Foto: Peter Pfalzner, Università di Tubinga) La traduzione di al...