domenica 29 luglio 2018

Bulgaria, trovata stele funeraria romana

Bulgaria, la stele funeraria romana appena trovata
(Foto: ETA)
Una stele funeraria romana riccamente decorata è stata rinvenuta nella fortezza di Kale Kovachevsko, nel nordest della Bulgaria. La stele risale all'epoca tarda dell'impero romano. Si pensa che la fortezza di Kale Kovachevsko sia stata costruita tra il 308 e il 324 d.C., durante il regno di Costantino I il Grande (303-337 d.C.) e di Licinio (308-324 d.C.), che governarono insieme nel sistema definito Tetrarchia.
Non si conosce il nome antico di Kale Kovachevsko, che era una città romana di medie dimensioni con imponenti fortificazioni che dovevano proteggerla contro le invasioni barbariche della Mesia inferiore (attuale nord e nordest della Bulgaria). La città e le sue fortezze sono state gravemente danneggiate dalle invasioni dei Goti del IV secolo d.C. e dagli Unni di Attila nel V secolo d.C.. Vennero poi distrutte dagli Slavi e dagli Avari alla fine del VI secolo d.C.
Gli scavi nella fortezza di Kale Kovachevsko hanno portato, nel 2015, alla scoperta di un'antica, enorme, costruzione romana del IV secolo d.C. che, probabilmente, era destinata ad horreum (granaio). Nel 2016, invece, il Museo di Storia di Popovo ha annunciato la scoperta di 42 monete romane con l'effige di imperatori bizantini.
La stele romana appena scoperta è alta 110 centimetri, larga 80 ed ha 30 centimetri di spessore. L'iconografia è tipica del IV secolo d.C. e raffigura un uomo e una donna. L'uomo è rappresentato con i simboli del potere, con in mano un documento testamentario. La stele appare incompiuta poiché nello spazio dedicato all'iscrizione non vi è nulla. Secondo il Professor Oleg Alexandrov, dell'Università "Cirillo e Metodio" di Veliko Tarnovo, l'uomo raffigurato sulla stele funeraria non è probabilmente morto sul posto e così la stele che era stata preparata in anticipo non è stata mai completata.
Gli scavi del 2018 all'interno della fortezza di Kale Kovachevsko si sono incentrati sullo studio delle terme romane, delle quali due terzi sono stati già indagati nel 2017. Gli archeologi stanno cercando un tempio che si crede fosse stato eretto all'interno della fortezza.

Fonte:
archaeologyinbulgaria.com

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...