lunedì 10 settembre 2018

I viaggi mediterranei dell'ambra

Ambra (Foto: ISTOK)
L'ambra è una pietra preziosa, ricavata dalla resina di alberi fossilizzati, apprezzata sia per il colore che per la sua naturale bellezza fin dai tempi antichi. L'ambra ha giocato anche un ruolo chiave nel Mediterraneo. Mercedes Murillo-Barroso, archeologa dell'Università di Granada, in Spagna, ha scoperto la prova che l'ambra ha viaggiato attraverso le rotte di scambio mediterranee già nella tarda preistoria.
Per questa ricerca gli archeologi hanno utilizzato una tecnica nota come spettroscopia infrarossa, sottoponendo ad esame 22 campioni di ambra proveniente dal Portogallo e dalla Spagna, la cui datazione è compresa tra il 4000 e il 1000 a.C., al fine di risalire all'origine della preziosa resina. I risultati hanno dimostrato che nel nord della penisola iberica l'ambra era prodotta localmente, mentre nel resto della penisola è stata trovata ambra proveniente principalmente dalla Sicilia e dalla regione del Baltico.
L'ambra proveniente dalla Sicilia è arrivata in Spagna almeno nel 4000 a.C., molto prima di quanto si era pensato finora. All'inizio dell'Età del Bronzo, però, vi fu un calo nel commercio della pietra, mentre nel 1000 a.C. circa, l'ambra baltica ha progressivamente sostituito quella proveniente dalla Spagna.
I ricercatori spagnoli hanno inoltre dimostrato che l'ambra rinvenuta nel sud della Spagna aveva una distribuzione simile all'avorio, giungendo, al pari di quest'ultimo dall'Africa del nord attraverso la mediazione siciliana.

Fonte:
newsweek.com

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...