giovedì 25 aprile 2019

El Fayoum, una mummia particolare...

Oasi di El Fayoum, la curiosa sepoltura trovata dagli archeologi russi
(Foto: Rostec International Communications)
La missione archeologica russa che sta operando sugli scavi della necropoli del complesso archeologico di Deir el-Banat, nell'oasi di El Fayoum, nell'Egitto centrale, ha fatto un ritrovamento unico nel suo genere. Si tratta di una sepoltura risalente al IV-V secolo d.C., che può fornire notizie relativamente ai rituali egizi di sepoltura, dall'antichità fino ad epoca tardo-romana. Direttore scientifico dello scavo è la Dottoressa Galina Belova.
E' stato trovato un corpo sepolto nel terreno e avvolto in fasce utilizzate per la sepoltura in modo che la testa fosse tenuta ben emergente - circa mezzo metro - rispetto al corpo. Questo curioso modo di sepoltura è stato ottenuto grazie all'ausilio di fusti di palma. Si tratta, secondo la Dottoressa Belova, di un'incredibile fusione di tradizioni funerarie degli antichi egizi e quelle di epoca romana, unitamente ad influenze di origine persiana.
Gli archeologi al lavoro sulla mummia trovata ad El Fayoum
(Foto: Rostec International Communications)
Il corpo del defunto è stato avvolto con molta cura con un telo, ad imitazione delle bende utilizzate dagli antichi egizi per fissare il cartonnage sulle mummie. Testa e corpo erano ricoperte da uno spesso strato di grano, caratteristica che rimanda all'Antico Egitto, dove il grano era associato alla vita eterna, alla rinascita e al dio Osiride. Il defunto è stato deposto su una sorta di materasso con un cuscino, caratteristica che rimanda ai riti funebri degli antichi Romani. Inoltre i tessuti utilizzati fanno chiaramente pensare all'influenza persiana.
La Dottoressa Belova ha dichiarato che non si è ancora in grado di stabilire se la persona sepolta in questo modo singolare appartenesse ad una élite oppure fosse di condizione sociale modesta. "Sia il cuscino che il materasso sono stai decorati con ricchi ricami, ma molte parti sono andate perdute", ha aggiunto. La sepoltura è apparsa molto ben conservata.

Fonte:
archaeologynewsnetwork.blogspot.com
Sputnik News

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...