domenica 7 aprile 2019

Gerusalemme, l'ombra di Bes

Gerusalemme, frammento di epoca persiana (V-IV secolo a.C.) che
raffigura il dio Bes (Foto: Eliyahu Yanai)
Un frammento d'argilla del periodo persiano, raffigurante il dio nano Bes, con la lingua sporgente, è stato recentemente rinvenuto durante gli scavi effettuati in una sorta di favissa nel parco nazionale di Gerusalemme. Bes era una divinità egizia, considerato il protettore delle famiglie, soprattutto delle madri, delle partorienti e dei bambini. Venne associato, negli anni, con attività positive quali la danza e la musica.
Uno degli esempi più famosi di produzione artistica riguardante Bes è una statuetta scoperta nell'oasi di Bahariya, ad ovest del Nilo, che ospitava, un tempo, un'edificio sacro consacrato alla divinità dall'aspetto corpulento. Nella tomba di Tutankhamon, poi, è stato rinvenuto un poggiatesta in avorio adorno con l'effige di Bes, risalente al 1330 a.C. circa. Bes doveva proteggere il giovane faraone dagli spiriti maligni che potevano assalirlo mentre dormiva.
Su due grandi vasi, pithoi, scoperti nel deserto del Sinai, un'iscrizione risalente all'800 a.C. menziona Yahweh e la sua Asherah (una divinità femminile), in lettere paleo-ebraiche, affiancate da rappresentazioni di animali e di divinità tra le quali compare anche Bes.
In tutta la Terra Santa sono stati rinvenuti amuleti, statue, decorazioni e vasi in cui il dio nano Bes era il protagonista principale, raffigurato in diverse forme, come nano corto e tozzo o addirittura come un giullare con un cappello piumato. Il culto di Bes è stato adottato da altri popoli, oltre agli Egizi, dai Fenici e dai Persiani.
Il frammento di ceramica appena trovato è il primo raffigurante Bes venuto alla luce a Gerusalemme e sugli altopiani della Giudea. Gli scavi che hanno portato a questa scoperta sono condotti congiuntamente dalla Israel Antiquities Authority e dall'Università di Tel Aviv in un luogo dove sono presenti diverse testimonianze risalenti al periodo persiano (V-IV secolo a.C.).

Fonte:
timesofisrael.com

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...