sabato 24 agosto 2019

Egitto, ricreato il profumo di Cleopatra, Eau de Ancient Egypt

Egitto, la fabbrica di profumi presso Tell Timai
(Foto: Tell Timai Excavation Project)
Due professori dell'Università delle Hawai hanno ricreato l'antico profumo utilizzato da Cleopatra, profumo che sarà presentato in una mostra del National Geographic. Il progetto denominato UH Tell Timai è uno scavo decennale nell'antica città egiziana di Thmuis (Tell Timai), nel Delta del Nilo, risalente al 300 a.C., intrapreso dal College of Languages, Linguistics and Literature, di cui è responsabile il Professor Robert Littman in collaborazione con Jay Silverstein.
Thmuis era il luogo dove si creavano i più famosi profumi dell'antichità, Mendesian e Metopian. La prima fase del progetto Tell Timai ha portato alla luce proprio le evidenze di questi edifici in cui si producevano le preziose fragranze. E' stato scoperto, in particolare, un vasto complesso risalente al III secolo a.C. L'analisi chimica ha stabilito che i forni presenti nell'edificio utilizzavano argille importate per creare lekythoi, vale a dire raffinati contenitori di profumi.
In una successiva costruzione romana è stata analizzata una fornace per la produzione del vetro che potrebbe rappresentare la transizione dalla ceramica all'unguentaria, vale a dire ai veri e propri recipienti, in genere eleganti vasetti, per i profumi in vetro. Nel 2012 è stata scoperta un'area dove veniva prodotto una sorta di liquido. Accanto vi era un tesoro di monete d'argento e gioielli in oro e argento che sembra suggerire che l'edificio fosse la casa di un mercante di profumi.
L'analisi dei residui del contenuto di alcune anfore, un alto vaso greco antico o romano, con due maniglie e un collo stretto, trovato proprio in questo edificio, stanno cercando di individuare quali fossero i liquidi prodotti in quello che sembra essere uno stabilimento.
Il Professor Littman si è rivolto ai ricercatori tedeschi Dora Goldsmith e Sean Coughlin, esperti negli antichi profumi egizi, per ricreare il profumo prodotto a Thmuis, basandosi sulle formule contenute negli antichi testi greci. I ricercatori hanno riprodotto il composto alla cui base è la mirra (una gomma naturale o resina estratta da piccole specie arboree spinose) con il quale fu creato il famoso profumo chiamato Mendesian nonché il Metopian.
Il profumo di Cleopatra, dunque, era speziato e muschiato, a base di mirra unita ad altri aromi quali l'olio di oliva e la cannella. "Il Mendesian ha una base di mirra e un odore molto piacevole, simile a quello di un incenso leggero. Il Metopian invece sa molto più di muschio ed è più penetrante", ha dichiarato il ricercatore Jay Silverstein. "Cleopatra, che era un'appassionata di profumi, potrebbe aver apprezzato il Mendesian, secondo quanto suggeriscono i testi".
Il profumo di Cleopatra, battezzato "Eau de Ancient Egypt", è oggi custodito nelle sale del National Geographic Museum a Washington DC, dove si può avere la possibilità di annusarlo fino al 15 settembre 2019.

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...