domenica 26 novembre 2017

Israele, trovato il rilievo di una leonessa a Tell el-Araj

Il rilievo raffigurante una leonessa o una chimera trovato a el-Araj
(Foto: Dottor Mordechai Aviam)
Un rilievo raffigurante una leonessa, risalente a 1500 anni fa, è stato scoperto a Tell el-Araj, in Israele. Il prezioso rilievo giaceva in un mucchio di immondizia. La roccia dalla quale è stato ricavato il rilievo è di basalto e pesa ben 600 chilogrammi.
La scultura risale al IV-VI secolo d.C., ha affermato il Dottor Mordechai Aviam, direttore degli scavi in Galilea. Il rilievo è abbastanza ben conservato, la testa è stata scolpita tridimensionalmente, mentre il corpo è bidimensionale, ad altorilievo. Gli archeologi sono indecisi se si tratti di una leonessa o, piuttosto, di una chimera, vista la criniera piuttosto scarna.
Durante gli scavi del 2016 nel sito di el-Araj, gli archeologi hanno scoperto i resti di un villaggio ebraico dell'epoca del secondo tempio. Il simbolo del leone è molto frequente nel giudaismo, le antiche sinagoghe della Galilea e del Golan recano spesso immagini del leone, che non compare, viceversa, negli edifici ecclesiastici di epoca bizantina. Il Dottor Aviam ha paragonato il rilievo appena scoperto ad altri raffiguranti leoni e leonesse scoperti nelle sinagoghe del Golan.
Il Dottor Aviam pensa che il sito in cui è stato rinvenuto il prezioso reperto sia stata, un tempo, la città romana di Julias. Probabilmente, se così fosse, il rilievo leonino abbelliva un edificio pubblico non ebraico. Diverse emergenze archeologiche rinvenute nella regione, del resto, indicano la presenza di un grande edificio del IV-VI secolo d.C. che, però, non è stato ancora trovato.
La scoperta del rilievo è stata accidentale, effettuata tra i detriti di epoca moderna. Julias, insediamento romano, era una sorta di periferia della città biblica di Betsaida. Il sito è al momento in fase di scavo da parte del Kinneret Academic College, del Kinneret Archaeology Institute e del Nyack College.
Betsaida, alla quale Julias era collegata, era un villaggio di pescatori presso il mare di Galilea. Fu il re Filippo Erode, figlio di Erode il Grande, a far costruire la città di Julias Betsaida o, comunque, l'estensione dell'originaria Betsaida, stando a quanto racconta lo storico ebreo Giuseppe Flavio. Molti ricercatori ritengono che il sito di el-Araj sia l'originaria Betsaida, dove Gesù operò diversi miracoli, luogo di nascita di Filippo, Pietro e Andrea.

Fonte:
haaretz.com
Posta un commento

Turchia, bambini e sacrifici umani nell'antica Mesopotamia?

Turchia, la sepoltura dei fanciulli (Foto: Ba sur Hoyuk progetto di ricerca) Circa 5000 anni fa , vennero sepolti due fanciulli di appe...