sabato 10 agosto 2019

Grecia, "ritrovata" un ritratto marmoreo di Alessandro Magno

Alessandro Magno, il ritratto dimenticato
(Foto: greece.greekreporter.com)
Una scultura dimenticata raffigurante Alessandro Magno è stata rinvenuta nel deposito di un museo greco. Angeliki Kottaridi, direttrice del Museo Archeologico della città di Veria, nel nord della Grecia, ha affermato che il ritratto del re macedone era stato dimenticato per anni nei magazzini del Museo. Ha aggiunto, poi, che questo ritratto è il più grande finora conosciuto da storici ed archeologi.
I curatori del museo stavano riorganizzando il deposito quando hanno trovato questa statua di marmo, coperta a metà da malta e sedimenti vari, in mezzo a casse di reperti di ceramica. "Nonostante le ferite lasciate sul suo bel viso da secoli e ignoranza, l'ho riconosciuto subito. La chioma, gli occhi e lo sguardo sono inconfondibili", ha detto Angeliki Kottaridi. La statua ha perso il naso in seguito ad anni di usura. "Era cosparsa di malta perché era stata usata come materiale da costruzione per un muro tra il XVIII e il XIX secolo", ha detto.
La testa risale probabilmente al II secolo a.C., ovvero a 200 anni dopo la morte di Alessandro Magno (323 a.C.). E' molto importante perché si aggiunge alle altre sue statue trovate in Macedonia dopo la sua morte: una a Pella di inizio III secolo a.C.; una copia romana a Kavala e una a Imathia del II secolo d.C.
La scultura venne scoperta decenni fa, in macerie, nei pressi della città di Veria e sarà al centro di una grande mostra prevista per il 2020 presso il Museo di Aigai.

Fonti:
greekreporter.com
ilfattostorico.com

Nessun commento:

Tracce di monete bizantine sulla Sindone

Le microparticelle aspirate dalla Sindone di Torino, composte da una lega di oro e di argento con residui di rame (elettro bizantino) (Fot...